Viandanti

Viaggio dentro e fuori di sé

di Antonella Radogna, Dalia Gravela e Sergio Gallo (2015)

Per ogni cosa ci sono tre momenti: quello giusto, quello che ci è sfuggito e quello prematuro. Si tratta di trovare gli espedienti per catturare attimi, momenti di vita, e l’esperienza della poesia, letta, prodotta, condivisa, assolve questo compito con grazia e tenerezza

professoressa Patrizia Di Franco
Dirigente scolastico Liceo Artistico “Carlo Levi” – Matera


viandanti posterVIANDANTI compenetra poesia, scenografia, teatro e musica attorno al cammino umano come metafora dell’esistenza. Una metafora che si è realizzata attraverso profondi testi poetici e brevi monologhi, lavori scenografici brillanti e piccole produzioni video, tutti realizzati dagli studenti del Liceo Artistico Carlo Levi di Matera, e liberamente ispirati da canzoni di Fabrizio De André e Francesco De Gregori presentate agli stessi studenti dall’associazione Gigli e Gigliastri, che ne ha proposto – con il progetto – uno studio e un’analisi approfonditi durante specifici laboratori.

Il progetto, di tipo curricolare e collegato al POF, ha fatto parte delle celebrazioni del trentennale del Liceo Artistico, ed ha coinvolto studenti di varie classi con il coordinamento delle professoresse Antonella Radogna, che ha curato anche la regia dello spettacolo finale, e Caterina Pedone. L’obiettivo è stato quello di approfondire il tema interdisciplinare del viaggio fisico e metaforico, come cammino verso l’essenziale, come incontro di anime e crescita dell’individuo alla ricerca del proprio sè. Per i ragazzi, l’opportunità anche di accrescere la propria sensibilità artistica e la propria creatività, nonché di lavorare sulle proprie emozioni e condividerle con il gruppo ed il pubblico.

viandanti 1Il lavoro si è sviluppato in una prima fase in classe, con l’analisi dei testi – dal punto di vista letterario – dei cantautori. Nella seconda fase, di produzione individuale, sono stati realizzati dagli studenti componimenti poetici, brevi monologhi teatrali, materiale audiovisivo e grandi scenografie. L’attenzione dei giovani autori in cammino si è concentrata sul mondo degli ultimi, posti dalle convenzioni e dai pregiudizi ai margini della società.

Il progetto è stato presentato in uno spettacolo finale, il 28 maggio 2015, presso il Cine Teatro Comunale di Matera.

In scena:
Sergio Gallo – voce, chitarra e armonica
Dalia Gravela – percussioni e voce
Francesco Galizia – sax e fisarmonica
Donatella Olivieri – basso
Vincenzo Virgintino – chitarra, bouzouki