#amabiliconfini: Giuseppe Scaraffia a Matera per il quinto appuntamento

manifesto-SCARAFFIA

Quinta tappa per Amabili Confini, il progetto di cultura partecipata per la rigenerazione delle periferie di Matera: con Giuseppe Scaraffìa, scrittore e francesista, prosegue l’iniziativa promossa dall’Associazione Gigli e Gigliastri da un’idea di Francesco Mongiello.

Raffinati i libri di Scaraffía, che insegna letteratura francese presso l’Università “La Sapienza” di Roma, e collabora con Il Sole 24ore e Sette. Ha scritto molti saggi e romanzi, tra cui ricordiamo “Dizionario del Dandy”, “Marcel Proust” e “Cortigiane” (premio speciale Grinzane-Beppe Fenoglio 2008).

locandina-SCARAFFIADoppio appuntamento, dunque, anche questa volta con un prestigioso scrittore italiano per Amabili Confini. Scaraffía sarà infatti a Matera il 2 e 3 giugno, per incontrare prima gli abitanti dei quartieri Spine Bianche/Piccianello in via Semeraro, a Spine Bianche (di fronte al Panificio De Palo), e poi per presentare il suo ultimo romanzo “Il demone della frivolezza” in piazzetta Madonna dell’Idris, davanti al MoMart. In quest’ultima occasione, converseranno con l’autore Tiziana D’Oppido, traduttrice e interprete, e Stefania Sibilio, blogger, componenti del gruppo organizzatore del progetto.

Entrambi gli appuntamenti saranno aperti al pubblico, e avranno inizio alle ore 19,00.

Cresce di volta in volta la partecipazione del pubblico agli eventi organizzati con Amabili confini che, per scelta degli organizzatori, è finanziato solo con fondi privati e punta alla rigenerazione delle periferie attraverso lo strumento dell’autonarrazione. Sempre più appassionata soprattutto la presenza dei materani nei quartieri, che hanno aderito numerosi al progetto inviando uno scritto e raccontando i propri “confini”. Proprio nei quartieri nelle scorse settimane sono stati presentati i racconti sorteggiati tra quelli pervenuti da ciascuna delle 7 macroaree nelle quali era stata suddivisa la periferia della città.

Sinora la sorte ha premiato i delicati racconti di Noemi Dell’Anna, Giuseppe Fiore, Angela Dragone e Giuseppe Perrucci, commentati con grande disponibilità rispettivamente dagli scrittori Lidia Ravera, Cristiano Cavina, Michele Mari e Diego De Silva, ai quali erano stati abbinati.

Molto intensi anche i racconti “emozionali” di Annachiara Clementelli e di Vita Epifania, ai quali si è dato spazio per le macroaree “Villa Longo-Platani” e “Granulari-San Giacomo-San Pardo”.

Amabili Confini proseguirà con la medesima formula con altre due tappe fino al 17 giugno, ospitando Michela Murgia e Andrea Taràbbia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...